Dalla fotografia all'oggetto, il collezionismo visto da Denis Curti

Denis Curti presenta le opere selezionate per Spazio9 PlanB. Gli scatti di Nino Migliori, Andrea Valsecchi, Giacomo Giannini, Andrea Rovatti, Renato Marcialis e Nicola Cicognani in mostra fino al 5 dicembre 2014.

Nino Migliori - Manifesti strappati n.2

In occasione dell'inaugurazione della mostra, in presenza di tutti gli artisti, il curatore Denis Curti ha presentato le 18 opere selezionate a un pubblico di giovani e personalità del mondo artistico e accademico. Il suo intervento ha messo a fuoco il filo conduttore che mette in rapporto tecniche e linguaggi del mondo della fotografia con un’idea di collezionismo inteso come fenomeno culturale "democratico", capace di inventare nuovi spazi di fruizione e costruire prospettive inedite del mondo.

Giacomo Giannini - Dicotomia Uomo Natura

Una mostra è la messa in scena delle possibilità, dei linguaggi e delle tecniche che appartengono al mondo della fotografia. Lo specifico del linguaggio fotografico non è dire la verità, perché ci è impossibile “vedere” la realtà cui si riferisce: il fotografo trasporta le immagini, costruendo nuovi significati, offrendo una prospettiva insolita. Attraverso questa “lente” possiamo esplorare lo studio degli spazi dalle prospettive aeree di Giacomo Giannini; riconoscere l’importanza della dimensione progettuale, fortemente concettuale, fatta di sovrapposizioni, delle opere di Andrea Valsecchi; leggere, nel rifiuto alle regole della tecnica di Nino Migliori, la volontà di inventare, di anticipare i linguaggi dell’arte contemporanea; trovare, nelle “pennellate di luce” della dimensione pittorica di Renato Marcialis, l’evidenza di una fotografia che si pone quale esperienza totalmente diversa dalla visione dello sguardo; incontrare, in Andrea Rovatti, l’idea di una fotografia frutto di un progetto, della riflessione continua sulle architetture; e scoprire, con Nicola Cicognani, la costruzione di un percorso estetico all’interno dei luoghi delle megalopoli contemporanee.

Nicola Cicognani - Colored Building

La fotografia non si affida quasi mai all’improvvisazione. “Ogni stampa è sempre il risultato finale di una messa in scena, della serie di scelte che il fotografo ha messo in atto. Tra il negativo e la stampa il fotografo può introdurre e aggiungere una quantità di elementi e di scelte differenti che fanno sì che nel mercato del collezionismo la stampa sia considerata l’atto finale” ha spiegato Denis Curti. Per questo motivo, l’opera da collezionare non è un negativo o un file digitale, ma la stampa fotografica. Ogni fotografia è montata in modo diverso: sono solo la stampa fotografica e il montaggio finale a rendere l’opera riconoscibile come tale.

Andrea Rovatti - Via Santa Croce Milano

 

La collaborazione tra Spazio9 e pic© - photography italian culture capital è anche questo: un percorso di scoperta delle possibilità implicite del mondo del collezionismo e della fotografia contemporanea.

Renato Marcialis - Perle d'olio

 

Periodo mostra: 24 ottobre - 5 dicembre 2014

Orari: dal lunedì al venerdì ore 10.30-18.30, sabato su appuntamento

Luogo: Spazio9 – via Val d'Aposa 1/C, Bologna

Andrea Valsecchi - LOOKING-FOR-SOMEONE